Giuseppe Conte “condannato” dal tribunale di Pisa: ci ha rubato la libertà

Spread the love

Il tribunale di Pisa, con una recente sentenza ha ritenuto illegittima sia la dichiarazione dello stato di emergenza fatta dal governo presieduto da Giuseppe Conte sia tutti i suoi Dpcm. Se la decisione del giudice toscano fosse corretta vorrebbe dire che quel presidente del Consiglio si è reso responsabile non solo della più grave e vasta limitazione dei diritti dei cittadini da che esiste la Repubblica, bensì anche di averla perpetrata in violazione di legge.

Il giudice del tribunale di Pisa ha assolto due persone imputate, di aver violato le disposizioni del capo del Governo sulla circolazione nel territorio durante il periodo delle restrizioni anti -Covid. Accertando di fatto che le sanzioni e i divieti, che per mesi e mesi hanno afflitto la vita degli italiani, erano in realtà disposti contro la legge. Quella giungla di prescrizioni illegali, infatti, infieriva su diritti fondamentali, a cominciare da quello di libera circolazione e di libertà personale, che mai e poi mai avrebbero potuto essere violentati con dei decreti amministrativi del presidente del Consiglio.

Vedremo se a rimettere a posto le cose ci saranno altre sentenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *